Telefono per Prenotazioni: 335.7053693

Ambulatori Privati in Emilia Romagna, Altri Ambulatori Privati

 

Caviglia anatomia

Introduzione

La caviglia lavora normalmente come una cerniera, ma è molto più di una semplice articolazione a cerniera. 

La caviglia è in realtà costituita da diverse strutture importanti, la forma unica della caviglia rende l’articolazione molto stabile.

La caviglia deve essere normalmente forte per resistere ad una volta e mezzo il peso del corpo quando si cammina e fino a otto volte il peso del corpo quando si  fanno particolari attività fisiche.

È necessario che  la caviglia lavori in modo normale per poter camminare con un'andatura regolare e quasi senza sforzo per i muscoli, tendini e legamenti che lavorano insieme per sostenere il corpo. 

Esistono situazioni  che disturbano la normale efficienza della caviglia e possono rendere difficile fare le normali attività senza dolore e/o problemi.

Questa guida vuole aiutarvi a capire, come è fatta anatomicamente la caviglia e come funziona.

 

Strutture importanti

Le strutture principali della caviglia possono essere suddivise in diverse categorie: ossa e articolazioni, legamenti e tendini, muscoli, nervi e vasi sanguigni.

La parte superiore del piede è chiamata superficie dorsale, la pianta del piede è definita superficie plantare.

 

Ossa e articolazioni

L' articolazione della caviglia è formata dal collegamento di tre ossa: l'osso della caviglia è chiamato l'astragalo, la parte superiore dell'astragalo inserisce all'interno di un incastro che si forma dalla estremità inferiore della tibia e perone (piccolo osso della gamba), la parte inferiore dell'astragalo poggia sul calcagno (nome tecnico heelbone). Astragalo lavora come una cerniera all'interno della giuntura per consentire al piede la flessione dorsale (per muoversi verso l’alto) e  plantare  (per muoversi verso il basso).

Il tipo di incastro che si forma tra le ossa della caviglia, è molto simile a quello spesso usato, per la particolare robustezza ed affidabilità, in falegnameria, costruzioni meccaniche, ecc…, chiamato a coda di rondine.

All'interno dell’articolazione, le ossa sono coperte con un materiale liscio chiamato cartilagine articolare; la cartilagine articolare è il materiale che permette alle ossa di muoversi agevolmente una contro l'altra nelle articolazioni del corpo senza consumarsi e con un attrito minimo.

Il rivestimento di cartilagine è più spesso nelle principali articolazioni che portano il peso corporeo  come la caviglia, anca e ginocchio, è abbastanza morbido per consentire l'assorbimento degli urti e abbastanza duro per durare tutta la vita, finché non subisce una lesione o trauma.

Legamenti e tendini

I legamenti sono i tessuti molli che legano le ossa alle ossa, sono molto simili ai tendini, la differenza è che i tendini legano i muscoli alle ossa. Entrambe queste strutture sono costituite da piccole fibre di un materiale chiamato collagene che si raggruppano a formare una struttura simile alla corda. Legamenti e tendini sono di molti formati e, come la corda, sono costituiti da molte fibre, lo spessore del legamento o del tendine determina la sua forza.

I legamenti, sono su entrambi i lati della caviglia e tengono insieme le ossa, tre legamenti costituiscono quello laterale sul lato più lontano dal centro del corpo, questi includono il legamento anteriore (talofibular  ATFL), il legamento calcaneale ( calcaneofibular CFL)  e il legamento crociato posteriore (talofibular PTFL), un grosso legamento chiamato deltoideo, sostiene la caviglia mediale,  il lato di fronte  all’altra caviglia.

Legamenti supportano anche l'estremità inferiore della gamba dove forma un’articolazione con la caviglia. 

Questa serie di legamenti supporta la parte della caviglia in cui l'estremità inferiore del perone incontra la tibia (sindesmosi). Tre legamenti principali supportano questa zona, l'attraversamento di un legamento appena sopra la parte anteriore della caviglia che collega la tibia al perone è chiamato anteriore inferiore (tibiofibular AITFL ). I legamenti posteriori uniscono il perone a tutta la parte posteriore della tibia,  sono il legamento posteriore (tibiofibular inferiore PITFL ) e il legamento trasverso. Il legamento tra la tibia e perone è definito legamento interosseo, è un lungo foglio di tessuto connettivo che collega l' intera lunghezza della tibia al perone, dal ginocchio alla caviglia.

La caviglia è supportata anche da tendini, il grande tendine di Achille è il tendine più importante per camminare, correre e saltare. si attacca dai muscoli del polpaccio al calcagno (heelbone) e permette di sollevarsi anche sulle punte dei piedi.

Il tendine tibiale posteriore unisce uno dei muscoli del polpaccio alla parte inferiore del piede, questo tendine contribuisce a sostenere l'arco del piede e ci permette di girarlo verso l'interno. Il tendine tibiale anteriore ci permette di alzare il piede. Due tendini corrono dietro la protuberanza esterna della caviglia (malleolo laterale), questi due tendini, chiamati  muscoli peronei, aiutano a muovere il piede giù e verso l’esterno.

 

Muscoli

La maggior parte del movimento della caviglia è dato dai muscoli della gamba i cui tendini passano per la caviglia per collegarsi nel piede, la contrazione dei muscoli della gamba ci permette di  muovere la caviglia quando camminiamo, corriamo  e saltiamo.

I muscoli più importanti della caviglia, sono stati accennati in precedenza nella sezione relativa a legamenti e tendini, ma ci sono altri muscoli che ci  garantiscono la mobilità della caviglia senza dover rinunciare alla sua forza:

  • I muscoli peronei (peroneo lungo e peroneo breve
  • I muscoli del polpaccio (gastrocnemio e soleo)importantissimi, si collegano al calcagno con il tendine di Achille.
  • Il muscolo tibiale.
  • Il tibiale anteriore (tira la caviglia verso l'alto).

Nervi

L' innervazione del piede, viene fatta da dei nervi che passano attraverso la caviglia, si diramano nel piede stesso. Il nervo tibiale corre dietro il malleolo mediale, mentre un altro nervo attraversa dal davanti la caviglia nel suo cammino verso la parte superiore del piede, c'è anche un nervo che passa lungo il bordo esterno della caviglia. I nervi sul davanti e sul bordo esterno della caviglia,  controllano i muscoli in questo settore  e danno sensibilità al bordo superiore ed esterno del piede.

 

Vasi sanguigni

La caviglia si irrora di sangue dalle arterie che la passano nel loro cammino verso il piede. 

L’arteria dorsale passa dalla caviglia verso la parte superiore del piede, si può sentire la pulsazione nel mezzo della parte superiore del piede. Un altra grande arteria, chiamata l'arteria tibiale posteriore, corre dietro il malleolo mediale, ha ramificazioni di vasi sanguigni più piccoli al lato interno della caviglia. Altre arterie meno importanti entrano nel piedi da altre direzioni fornendo  sangue anche alla caviglia.